TU SORRIDI di Alessandra Prospero

TU SORRIDI

Dolce,
tra le nervature del freddo
schivo un amoroso artiglio
e bevo, bevo dalle tue melodiose ciglia
che ignorano cime tempestose
di cronache algide
imperterrite e immutabili.
Di faraglioni lontani,
di rimembranze insolite
di palpitanti tentennamenti di zucchero
di albe odorose e di assoli dolenti.
Invece mi parli adagiandomi
sulla morbida rete
del trapezista.
E sogni, sogni, sogni
di infrangibili giostre di cristallo
e cavalli di miele con piume di brezza
dopo una bruma ventennale.
E tu, nettare, sorridi.

Alessandra Prospero


Pubblicata sotto Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.






Commenti

Post popolari in questo blog

NUOVI OCCHI SUL MUGELLO, SESTA EDIZIONE

Il colore dell'inganno, un thriller… puskiniano

Con gli occhi del fanciullo di Antonio Fasulo, il potere curativo della scrittura

CHI TI di Guido Tracanna

VERSI DAL BOSCO INCANTATO a Goriano Valli