martedì 9 agosto 2016

III PREMIO LETTERARIO L'AQUILA VOLTA LA CARTA





III Premio L’Aquila Volta la Carta 
REGOLAMENTO :
La III edizione del Premio Letterario Volta la carta ha per tema il Mediterraneo e si ispira alla seguente frase di Giovanni Verga: "...perché il mare non ha paese nemmen lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, di qua e di là, dove nasce e muore il sole".

L’elaborato può essere presentato sia in forma poetica, sia in prosa, a scelta dell’autore. Il concorso è riservato a scritti inediti. Il testo dovrà essere inviato entro e non oltre il 20 agosto 2016 tramite e-mail a redazione@laquilavoltalacarta.it o in alternativa dovrà essere spedito tramite raccomandata (farà fede il timbro postale) a A.P.S. L’Aquila Volta la Carta c/o Arkhé snc, via Montorio al Vomano 8 - 67100 L’Aquila , unitamente al modulo di partecipazione e all’informativa sulla tutela della privacy. (Allegato A) Ciascun autore dovrà esprimere l’accettazione del presente regolamento, dovrà indicare I propri dati anagrafici e dichiarare che il testo inviato è inedito. Il testo dovrà essere inviato entro i termini del concorso, non saranno ritenuti validi i moduli privi di firma, spediti via fax o non compilati in originale. L’Associazione non si assume responsabilità in questo senso. Tutti i partecipanti riceveranno un attestato di deposito del loro testo presso la sede dell’Associazione (tramite invio di una mail di risposta che comprovi l’arrivo del testo) . L’Associazione declina ogni responsabilità per il mancato o ritardato arrivo di testi e di comunicazioni sia postali sia telefoniche. Non sono ammessi alla partecipazione al concorso i testi già pubblicati in qualsiasi forma o stampati anche in tiratura limitata o in forma tipografica. Per il corretto svolgimento del concorso i partecipanti devono considerare che: - l’invio dovrà essere fatto esclusivamente in formato RTF (Rich Text Format) senza immagini; non sono ritenuti validi invii in altri formati; - la lunghezza massima del testo è fissata in massimo 3 cartelle standard (1600-1800 battute per un totale 5400 battute spazi compresi). Non è possibile partecipare al Premio Letterario Volta la Carta con due testi dello stesso autore. Gli scritti partecipanti al concorso saranno valutati e selezionati dalla Giuria del Premio. I pareri dell’A.P.S. L’Aquila Volta la Carta circa l’ammissione al concorso e quelli della Giuria sulla selezione sono insindacabili. I testi inviati non verranno restituiti. L’opera ritenuta più meritevole, secondo il parere insindacabile della Giuria del Premio Letterario Volta la Carta, sarà premiata con una targa al primo classificato. Al secondo, al terzo classificato e alla menzione speciale della Giuria, sarà consegnato un diploma di merito. La premiazione si terrà domenica 9 ottobre 2016 durante la fiera dell’editoria indipendente “Volta la Carta. Libri e non solo a L’Aquila” che si terrà, dal 7 al 9 ottobre 2016, presso la Cartiera del Vetoio. Il personale e i collaboratori dell’A.P.S. L’Aquila volta la carta sono esclusi dalla partecipazione al concorso.

sabato 6 agosto 2016

"Incubo" di Wulf Dorn

Una lettura da “incubo”





Ci sono libri che, una volta letti, ti restano appiccicati addosso come sanguisughe, con tutta una caterva di pensieri e sensazioni. “Incubo” è uno di questi. Quando mi accinsi a leggerlo, avevo una vaga idea di cosa stavo per affrontare, dato che di questo autore ho letto tutte le opere precedenti, ciascuna delle quali mi ha lasciato qualcosa. Ma con questa sua ultima fatica è stato diverso. Oserei dire traumatizzante. Affrontare questa lettura è stato letteralmente un incubo. Il motivo riguarda principalmente la trama. Racconta di un ragazzo autistico che perde i genitori in un incidente d’auto, con tutte le conseguenze che gli piombano addosso come macigni. In primis il senso di colpa per essere sopravvissuto, gli incubi e i vuoti di memoria dovuti al trauma. In secundis, il dover affrontare il  doloroso inizio di una nuova vita. In tante peripezie, l’unica nota positiva è la sua amicizia con Caro, una ragazzina che conosce nella nuova scuola, la quale lo capisce e lo accetta così com’è. Segue poi una vicenda intricata, fino al finale che colpisce come un pugno in pieno volto.  Ero preparata al classico colpo di scena alla Dorn, però non immaginavo un tale colpo. Comunque, non è questo il motivo per cui questo libro mi ha tanto sconvolta. Il fatto è che esso ha toccato dei temi che da sette lunghi anni sono appiccicati, anzi marchiati a fuoco, nella mia anima. La transitorietà, l’illusione della sicurezza, il  fatto che tutto possa cambiare da un momento all’altro. Io ho avuto modo di imparare tutto ciò a mie spese una notte di aprile. La maledetta notte in cui il terremoto , in ventitré lunghissimi secondi, mi ha tolto tutto ciò che fino ad allora era stata la mia vita. Sembrava che il protagonista fosse la somma delle mie insicurezze e delle mie fragilità di allora, incarnatesi in un personaggio di carta e inchiostro  messo lì a mostrarmi cosa sarebbe potuto succedere se non le avessi tenute a bada.   Mi sono presa un tale spavento che dubito che prenderò di nuovo in mano qualcosa di questo autore. Kafka diceva che un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi. Sono d’accordo, ma questa volta l’ascia è penetrata troppo a fondo, andando a toccare punti ancora dolenti, nonostante il passare il tempo. Nonostante questo, però, non mi pento di averlo letto. Perché se da un lato ha toccato ferite ancora aperte, dall’altro mi ha ricordato che ho un carattere forte, grazie al quale non sono crollata e le avversità che ho dovuto affrontare non hanno avuto la meglio su di me. Ha riportato alla mia mente il più grande insegnamento che ho tratto dal terremoto : carpe diem. Cogli l’attimo, perché niente è eterno e tutto può cambiare da un momento all’altro. E quando avviene, mai lasciarsi abbattere, ma farsi forza e rimettersi in piedi, perché la vita è una guerra, e in guerra o si combatte o si muore. Libro consigliatissimo,  ma leggetelo armati di coraggio. 


Lina Ricci, una vita nella scuola dell’infanzia ‘De Amicis’ e il nuovo libro autobiografico

Lina Ricci, una vita nella scuola dell’infanzia e il nuovo libro autobiografico. Sabato 16 novembre 2019 si terrà alle ore 17:30 la...