PROFUMO DI DONNA di Paolo Sly Ripari




Nella stanza una fioca luce balza ai tuoi occhi come cristalli di infinita lucentezza. 
Accasciata ti volti nel tuo dolore assorta e osservi il tuo riflesso.
Cosa guardi? 
Forse il tuo viso, speculare di ciò che i troppi molti anni hanno cambiato? 
Oppure l'eco delle molte occasioni che hai lasciato scemare dietro di te? 
Ciò che incontri in quello specchio altro non è che l'immagine sbiadita dei tuoi rimpianti. 
Rughe, curve oramai troppo morbide cedono all'inesorabile mietitrice di questo tempo. 
Sei sola in quel disegno. 
Avresti potuto averlo se solo avessi allungato la mano. 
Ora disegni con i tuoi occhi le linee accurate del tuo profilo, 
e trovi i segni impressi un una tela specchiata 
in cui una lacrima solca il tuo nudo di donna... 




                                           Paolo Sly Ripari

Commenti

Post popolari in questo blog

NUOVI OCCHI SUL MUGELLO, SESTA EDIZIONE

Il colore dell'inganno, un thriller… puskiniano

Con gli occhi del fanciullo di Antonio Fasulo, il potere curativo della scrittura

CHI TI di Guido Tracanna

VERSI DAL BOSCO INCANTATO a Goriano Valli