TU di Alessandra Prospero


TU


Tu evochi
tornado lontani
spasmi e nascondigli,
ere infantili
e ricordi di ardenti desideri.
Tu calamiti
il mio pensiero
trascinando folle
il mio sentire mentre
grilli estivi musicano la notte.
Tu muovi
maree fragili e femminee,
eccessi sopiti e lembi insofferenti
di nuovo piegati a un volere feroce.
Tu metti in pericolo
i miei versi
perché mi togli il fiato
e il poetare.
Tu t'inoltri
tra le mie certezze,
spezzandole
e strappando le mie resistenze
come penna rabbiosa
su inerme foglio bianco.





Commenti

Post popolari in questo blog

NUOVI OCCHI SUL MUGELLO, SESTA EDIZIONE

Il colore dell'inganno, un thriller… puskiniano

Il matto è tornato: omaggio di Federico Del Monaco a Dino Campana

Con gli occhi del fanciullo di Antonio Fasulo, il potere curativo della scrittura

Recensione de I SOMMERSI E I SALVATI di Primo Levi, Einaudi