IN UNA STRETTA DI MANO di Luigi Finucci



Nel buio tengo stretta la sua mano piccola e fredda,
come smarrita all’inizio,
finalmente s’intrecciano
ansimano come corpi
che poco a poco si scaldano;
quel buio che all’inizio faceva paura
ora protegge dagli sguardi,
quelle mani che si conoscono pian piano
aprono i nostri cuori
e si scambiano effusioni come esseri a sé.
Poi arriva il giorno
e guardo gli occhi di quella mano
che aveva fatto crescere in me la passione
la bacio
e sento avvolgermi da un calore
e mi perdo in quel buio
che non conosce paure.

Commenti

Post popolari in questo blog

NUOVI OCCHI SUL MUGELLO, SESTA EDIZIONE

Il colore dell'inganno, un thriller… puskiniano

Con gli occhi del fanciullo di Antonio Fasulo, il potere curativo della scrittura

CHI TI di Guido Tracanna

VERSI DAL BOSCO INCANTATO a Goriano Valli